Migliori materassi singoli

Per i più giovani o per chi preferisce mantenere il proprio spazio, il materasso singolo è un’ottima soluzione, perché consente una scelta personalizzata con un ingombro di spazio ridotto rispetto ai più grandi materassi a una piazza e mezzo o matrimoniali.

La scelta però non va presa alla leggera, perché anche se non hai da condividere il tuo sonno, è importante che tu scelga un materasso che, in quanto a comfort e qualità, sappia ben compensare l’assenza di una superficie più ampia.

 

Come scegliere un materasso singolo

Se sei già alla ricerca del tuo materasso, senza dubbio avrai scoperto l’enorme quantità di modelli, prezzi e tipologie che offre il mercato dei materassi singoli, ma come scegliere quello giusto? Ogni scelta, per quel che riguarda i materassi, deve essere strettamente personale, così come personale è la fisicità e il sonno di ognuno/a di noi.

Per aiutarti ti offriamo questa breve guida, ma nel leggerla tieni ben presente le tue peculiarità: ogni persona ha un corpo, un peso, una fisionomia e una postura individuale: il materasso che va bene per te potrebbe essere il peggiore per un altro. Con questo in mente, osserviamo insieme le principali caratteristiche di un materasso singolo.

Per informazioni più dettagliate, invece, leggi anche la nostra guida completa su come scegliere il materasso giusto per te.

 

Caratteristiche di un materasso singolo

 

Altezza

L’altezza è una caratteristica da tenere sempre in considerazione quando si è alla ricerca di un materasso singolo, così come matrimoniale o altro. Alcuni materassi sono molto bassi (e di conseguenza più economici), anche sui 12 cm, mentre altri sono ben alti, fino a 25 o anche 30 cm. L’altezza dipende anzitutto dal materiale, ma tendenzialmente più sono alti più sono adatti a pesi più sostenuti e sono pesanti al trasporto.

Non pensare però che ci sia una semplice equazione tra altezza e qualità, anzi: se il materiale è quello giusto, un’altezza eccessiva può diventare solo un ingombro e un peso inutile.

Un materasso in memory foam in genere si aggira sui 20 cm di altezza, mentre un materasso in lattice va dai 19 ai 24 cm. Il materasso a molle va dai 22 ai 24 cm, così come quelli quelli ibridi che per via dei materiali multipli possono raggiungere anche i 26 cm.

 

Dimensioni

Esistono delle dimensioni standard per i materassi, ma nessuno vieta alle varie aziende di operare delle variazioni o anche di farli su misura. L’importante è sempre controllare bene la misura, in modo che sia compatibile col letto e con la stanza.

Il materasso singolo a una piazza generalmente ha una larghezza che va dagli 80 ai 90 cm, mentre il materasso singolo a una piazza e mezza è largo circa 120 cm. La lunghezza di entrambi invece va sempre dai 190 ai 200 cm. In genere per gli adulti si consiglia un materasso a una piazza e mezza, ma le dimensioni della stanza o della persona (o un sonno molto calmo, senza tanti spostamenti notturni) possono rendere sufficiente anche quello a una piazza.

 

Durezza (o portanza)

La durezza, detta anche portanza, è un indicatore della resistenza al carico del materasso. Tendenzialmente più è elevata la durezza più è rigido il materasso, motivo per cui si consiglia un’alta portanza alle persone robuste ma anche a chi ama i materassi più duri. Spesso questi valori vengono indicati con delle sigle:

 

H1 = morbido

Un materasso H1 è particolarmente indicato per persone esili, bambini o a chi piacciono i materassi molto morbidi. Indicativamente è consigliato per persone fino a 60 kg

 

H2 = medio

Il materasso H2 è una via di mezzo, più morbido che duro ma adatto anche a persone fino a circa 60-80 kg

 

H3 = duro

Il materasso H3 è un materasso abbastanza duro, adatto per chi desidera un supporto più rigido o a chi ama dormire sulla pancia. Indicativamente si consiglia a persone oltre 80 kg.

 

H4 = molto duro

Sono materassi molto duri, con un limite di peso superiore di 140 Kg.

 

H5 = durissimo

Sono materassi specifici per le persone fortemente in sovrappeso, dai 140 kg in su.

 

Materiale

Come tutti i materassi, anche quello singolo è disponibile in tutte le varianti di materiale, che li differenziano per pregi, difetti, specificità e ovviamente fascia di prezzo. Guardiamo un po’ assieme dunque quali sono i principali materiali in commercio per la realizzazione dei materassi singoli.

 

Materassi in lattice

Il lattice è un’emulsione, generalmente di colore bianco, naturale con consistenza viscosa. Il lattice naturale è una resina collosa che proviene dall’albero della gomma, una pianta che si trova per la maggior parte nella foresta amazzonica. Un materiale analogo può essere prodotto anche in laboratorio, e in questo caso si parla di lattice sintetico. Per quel che riguarda il supporto, il lattice offre una notevole ergonomia. Sono materassi anallergici, ben traspiranti ed elastici, in grado di adattarsi immediatamente alle forme e alla pressione del corpo, cosa che aiuta a prevenire i dolori articolari.

Per te se…: se sei una persona allergica, vuoi un materiale naturale, elastico e fresco d’estate, il lattice è quel che fa per te.

Per maggiori informazioni puoi leggere la nostra guida su come scegliere il migliore materasso in lattice.

 

Materassi a molle

Sono i materassi più comuni, imbottiti con piccole molle che possono essere libere come insacchettate. Sono dei prodotti più economici, che consentono una buona traspirazione e si adattano bene anche ai pesi più gravosi. Sono inoltre molto resistenti alle deformazioni dovute ai cambi di temperatura.

Per te se…: se sei un carico robusto, vuoi un materasso fresco, confortevole ma non costosissimo, la scelta migliore sono le molle.

Leggi la nostra guida sui materassi a molle.

 

Materassi in memory foam

È un materiale viscoelastico sintetico studiato per adattarsi con facilità alla forma e alla posizione del corpo. Il memory foam asseconda ogni movimento con plasticità e garantisce un perfetto relax muscolare al risveglio, anche in virtù del fatto che accompagnano con dolcezza i movimenti notturni. Questi materassi sono perfetti per i climi freddi (o per le persone freddolose) perché trattengono bene la temperatura.

Per te se…: si tratta di materassi leggermente più costosi degli altri per via del materiale utilizzato, ma se sei una persona allergica ne può valere la pena perché sono completamente anallergici.

 

Anti acaro

Le allergie sono un vero tormento, specialmente quelle legate agli acari della polvere. Nella scelta di un materasso, si tratta di un fattore importantissimo, perché ne va della salute del sonno e della propria tranquillità.

Oggigiorno anche i materassi a molle offrono spesso un trattamento antiacaro, ma gli unici materassi con cui andare sul sicuro, in quanto completamente anallergici, sono quelli al memory foam e al lattice.

I materassi però non sono composti solo da quella che in modo poco tecnico si intende come imbottitura, ed è dunque importantissima la pulizia delle fodere, del coprimaterasso e delle lenzuola. Per un’igiene approfondita, può essere indicato l’acquisto di un buon aspirapolvere acaricida.

 

Rivestimento

Anzitutto è importante non confondere il rivestimento con la fodera. Laddove è una prassi comune e consigliata rivestire il materasso con una fodera lavabile, per garantire una migliore igiene di chi dorme, il rivestimento fa parte del materasso stesso e non è presente in tutti i modelli.

Scegliere un materasso con un rivestimento antiacaro è consigliabile soprattutto a chi soffre di allergie, in modo tale da garantire una pulizia accurata di tutte le componenti. Il materiale che consigliamo è il cotone biologico, che è facile da lavare e che presenta una minore percentuale di pesticidi durante la produzione, anch’essi possibile fonte di irritazione della pelle.

 

Durata

Un materasso, per quanto di buona qualità, non può durare con le medesime prestazioni per più di 10 anni (8 per quelli in lattice o a molle). Una buona cura e igiene aiuta a preservarlo, ma bisogna comunque prestare attenzione all’usura. Il dato varia molto in base alla qualità, alla cura e al materiale – i memory foam, ad esempio, hanno generalmente una vita più lunga e possono durare anche 15 anni, con la giusta manutenzione. Se il tuo materasso ha ormai una certa età, comunque, presta attenzione ad altri indizi che ti permetteranno di capire se è giunto il momento di cercarne uno nuovo.

Se invece non ti ricordi quanti anni ha, prova a osservare i bordi: il loro stato non influisce sulla comodità del letto, ma se sono usurati o sfrangiati probabilmente significa che ha quasi una decina di anni – controllare i bordi di un materasso è un po’ come contare i cerchi interni nei tronchi degli alberi per stabilirne l’età.

 

Per la tua postura

Non tutte le persone dormono nella stessa posizione e anche questo fattore può influenzare il tipo di materasso da scegliere, dunque sarà bene prendere in analisi anche questa abitudine notturna. Molti fisioterapisti e osteopati sono d’accordo nel consigliare agli adulti la posizione supina, con un cuscino sotto le ginocchia per garantire il rilassamento dei muscoli della schiena e uno sotto il collo per avere un adeguato supporto cervicale. In questa postura il corpo subisce al minimo la compressione degli organi interni, degli arti superiori, delle spalle e della testa. Anche la posizione sul fianco o fetale garantisce ottimi benefici, come la riduzione del dolore alla schiena, una migliore respirazione e una migliore digestione – un beneficio che avviene solo se si dorme sul fianco sinistro, che inoltre facilita il fluire del sangue verso il cuore. Per chi dorme in queste posizioni, tutti i materassi vanno bene. Chi invece dorme a pancia in giù, rischia la compressione dello stomaco e dunque il reflusso gastroesofageo. La maggiore pressione sullo sterno, inoltre, può facilitare il russamento. In questo caso sarà bene scegliere un materasso rigido, magari in memory o lattice, per diminuire gli effetti negativi della posizione.

 

Garanzie

Una garanzia a protezione del cliente è necessaria per legge, ma spesso le aziende estendono le offerte per proporre un prodotto più concorrenziale. Di base una garanzia copre il difetto di fabbrica e non l’usura (come ad esempio l’avvallamento di un materasso), quindi bisogna stare attenti al tipo di danno di cui si vanta la protezione.

Di base, come tutti i prodotti, i materassi sono garantiti per 2 anni a norma di legge. Attenzione a chi vanta garanzie eccessive: una protezione di vent’anni non ha alcun senso per un materasso che comunque si usura in dieci, perché come abbiamo detto la protezione copre solo i difetti, che in genere si notano ben prima di un decennio.

Dato che l’offerta cambia in base all’azienda, il nostro consiglio è noioso ma funzionale: leggi la garanzia. Cerca di capire se si tratta di una protezione standard (per cui bastano i 2 anni dovuti per legge) o se copre anche l’usura – come capita ben di rado.

Qualora tu decida di avvalerti della garanzia, dovrai riconsegnare il prodotto difettoso o, nel caso di impossibilità a trasportarlo, dichiarare i difetti, esibendo la relativa fattura. Il venditore, dopo aver verificato la fondatezza della richiesta, prenderà in consegna il prodotto o la richiesta e rilascerà al consumatore un modulo con un termine massimo di 60 giorni entro cui verranno effettuate la riparazione o la sostituzione.

Secondo la normativa spetta al cliente riconsegnare il materasso o provvedere alle spese del corriere. Attenzione dunque al corretto imballaggio del materasso e trasporto, perché il materasso va restituito in perfette condizioni. Stessa cosa vale per i 14 giorni cosiddetti di prova del prodotto.

 

Dove comprare un materasso singolo

Non è difficile trovare un negozio di materassi, che si tratti di rivenditori specializzati, monomarca o grandi catene, come IKEA, che offrono una loro selezione ben definita. Sebbene però provare un materasso di persona sembri la scelta migliore, non è sempre così. Anzitutto, una breve prova non è garanzia di successo, perché per comprendere davvero se il materasso è quello giusto dovresti… dormirci, preferibilmente un mesetto.

Nessun negozio ti ospiterà per un mese, ma la maggior parte degli store online ti proporrà un periodo di prova entro il quale potrai rimandare indietro il prodotto qualora non sia adatto a te – è una garanzia obbligatoria a difesa del consumatore e si chiama diritto di recesso. Il limite legale è di 14 giorni, ma molte aziende lo estendono molto oltre.

Inoltre, difficilmente un negoziante avrà a disposizione tutti (o quasi) i materassi in commercio, cosa che invece succede online. Senza contare la possibilità di informarsi sulle recensioni dei clienti, e non di chi vuole venderti un prodotto – e con guide come la nostra.

L’acquisto sul web sembra dunque la migliore opzione per i materassi, tant’è che moltissime aziende offrono la possibilità di acquistare direttamente dal sito, come Emma, materassiedoghe, Tempur, Baldiflex ecc. Noi consigliamo però di utilizzare grandi resellers come Amazon, che offre ancora più scelta, una spedizione molto veloce e garanzie nel caso il prodotto abbia dei problemi.

 

Migliori materassi singoli: quale scegliere

 

Materasso singolo in memory foam Emma Original di Emma

Tra i materassi in memory foam il migliore è forse Emma Original, prodotto da Emma, prodotto dell’anno 2020. È un materasso a tre strati, uno di schiuma Airgocell, uno in memory foam viscoelastico e infine dalla schiuma HRX a supporto differenziato. Questo circolo virtuoso assicura un sostegno ortopedico efficace e confortevole. Inoltre, il rivestimento in fibra climatizzata aiuta il raffreddamento del materasso e riduce l’accumulo di polvere e umidità, mantenendolo pulito a lungo.

È per te se: Soffri di mal di schiena o cerchi il massimo comfort
Contro: Non adatto a un basso budget

 

Marcapiuma – Materasso singolo al lattice

Marcapiuma ci propone a un prezzo perfettamente commisurato alla qualità un materasso ortopedico, antibatterico e anallergico. È un prodotto con oltre 65 Kg di portata al m3 a sette zone con portanza differenziata. Questo materasso ha un’elevata ergonomia, che distribuisce correttamente il peso e mantiene la colonna vertebrale nella posizione corretta. La sottofodera è in jersey, 100% Cotone, dunque altamente traspirante. È un materasso di media rigidità, adatto anche a chi soffre di mal di schiena.

È per te se: Soffri di mal di schiena, vuoi un materasso profumato e fresco di notte.
Contro: Non a bassissimo budget

 

EVERGREEN – Materasso singolo a molle e waterfoam

Questo materasso ibrido non è economico come quelli a molle, ma ne vale la pena: si tratta di un prodotto con molle in acciaio di alta qualità, molto resistente e con uno strato di Waterfoam espanso ad acqua, che permette un buon bilanciamento del corpo e un supporto sostenuto, privo fastidiose compressioni. Perfetto per chi soffre di dolori alla schiena.

È adatto a te se: cerchi un materasso resistente ma ergonomico, resistente all’umidità e adatto contro il mal di schiena.
Contro: La sua natura ibrida lo rende più costoso della media.

 

Zinus, materasso singolo ibrido con molle e memory foam

Zinus è un materasso ibrido che unisce il sistema di supporto a molle a uno strato in memory, in modo da aumentare la sua forza ergonomica. Il materasso è ricoperto in tessuto lavorato, traspirante, anallergico e antiacaro. Il memory foam è infuso con estratto di tè verde e olio di semi, per prevenire cattivi odori e renderlo più refrattario ad acari e batteri. Il materasso è certificato CertiPUR-US e soddisfa molti standard di qualità sul materiale, la durata e l’impatto ambientale. Si tratta di un ottimo prodotto con un soddisfacente rapporto qualità/prezzo.

È adatto a te se: vuoi un materasso ibrido a poco prezzo, adatto al mal di schiena e pesi sostenuti.
Contro: Preferisci un materasso solo a molle

 

Farmarelax materasso singolo, imbottitura fibra ipoallergenica

Un’ottima scelta se si dispone di un budget limitato, per un rapporto qualità-prezzo decisamente invidiabile. Questo materasso è composto da una lastra di Eliocell Soft, un materiale formato da una schiuma poliuretanica espansa ad acqua, che lo rende soffice ed accogliente, in grado di sostenere dolcemente ogni zona del corpo. Il rivestimento in tessuto ipoallergenico, con imbottitura in fibra ipoallergenica e traspirante, garantisce l’igiene del materasso e lo rende molto adatto ai soggetti allergici.

È adatto a te se: vuoi un materasso a poco prezzo, adatto al mal di schiena ed ergonomico
Contro: Non è all’altezza di altri prodotti più cari.

 

Conclusioni

La scelta di un materasso singolo può sembrare semplice, ma come hai visto ci sono molti elementi da tenere in debita considerazione. E anche per questo che abbiamo costruito questa guida e offerto una selezione di prodotti che a nostro parere soddisfano le principali esigenze.

L’offerta è molto varia e anche all’interno della nostra selezione non è facile scegliere. Ma se proprio vuoi un consiglio, ti diremmo il Materasso singolo in memory foam Emma Original 🙂

Table of Contents